Attualità

Italia svenduta a saldi, il made in Italy è quasi sparito.

E’ una pena alla fine impietosa delle famose griffe italiane, dapprima imitate e poi acquistate da grandi Paese come Cina,India, Paesi arabi. Questa classe politica negli ultimi venti anni ha provocato il collasso commerciale e la perdita della nostra identità creativa. Cosa sia rimasto ancora che possa essere definito come vero made in Italy e difficile dirlo, dal momento che anche molte marche di acque minerali, bibite e persino la nostra birra, hanno cambiato padroni. Sappiamo quello che è accaduto, ma non quello che ancora si abbatterà sul commercio che coinvolgerà in senso negativo proprio l’Italia. Questa mattina un noto economista italiano, da cinquant’anni in America, ospite di nel tg di Telenorba e di Enzo Magistà ha delineato le drammatiche verità che ci vengono nascoste e per le quali questa nostra classe politica dovrebbe vergognarsi. Il dominante mercato cinese ha acquisito tra le tante attività commerciali, anche la proprietà del porto del Pireo in Grecia, da dove partono treni lunghi chilometri che raggiungono le destinazioni europee. La presenza di punti di vendita solo cinesi in Italia, fornitissimi di mercanzie varie, stanno provocando la fine del nostro piccolo commercio, aiutati nei loro Paesi d’origine.L’Italia dovrebbe aumentare i dazi così come ha fatto e sta facendo il presidente degli Stati Uniti, a differenza di questi nostri rappresentanti di Governo che non sentono neppure la necessità e la dignità di mettere in cantiere le necessarie iniziative con leggi chiare che obblighino i produttori e commercianti italiani, l’obbligo di indicare sui prodotti, la provenienza effettiva punendo chi spaccia il falso made in Italy.

Related posts

I “terroni” ringraziano il giornalista Vittorio Feltri. Grazie a lui da oggi non sarà più facile offenderci .

redazione@metropolinotizie.it

Come sopravvivere alla “sindrome da rientro”

redazione@metropolinotizie.it

Eurostat: al Sud 4 su 5 regioni con più bassa occupazione in Ue

redazione@metropolinotizie.it

Rischio incidenti: “Il gancio di sicurezza può aprirsi e la bicicletta può cadere dal portabici durante il viaggio”.

redazione@metropolinotizie.it

L’ex amministratore di Ferrovie del Sud Est tra i super raccomandati del “mullah” Caianiello

redazione@metropolinotizie.it

Mega truffa telefonica: trasferisce 3,6 milioni a una falsa poliziotta. Vittima è una anziana donna che per mesi ha ricevuto almeno una telefonata al giorno da parte della sconosciuta che la invitava a mettere in salvo i suoi risparmi.

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy