Puglia

La saline di Margherita di Savoia prima si vendono ai saldi, poi si pensa al futuro dei dipendenti e del territorio

E’ stata fissata per lunedì 21 ottobre, nel corso della Commissione Attività produttive del Consiglio regionale in programma a partire dalle ore 12, l’audizione per chiarire la questione della cessione delle Saline di Margherita di Savoia, passata di recente da Atisale spa al gruppo francese Salins du Midi. La richiesta è del consigliere regionale Pd, Ruggiero Mennea, che aveva già voluto quella calendarizzata a maggio e rinviata perché alla convocazione aderirono solo i sindacati.


“Nel corso di questa audizione – spiega Mennea, che è componente della quarta commissione consiliare – vogliamo chiarire quale sarà il futuro delle Saline, comprendere quali sono le garanzie sul mantenimento dei livelli occupazionali e sul piano industriale che sarà predisposto per i futuri investimenti e la messa in sicurezza dello stabilimento. C’è una grande aspettativa e noi saremmo felici di ascoltare la nuova proprietà e tutti i soggetti coinvolti. C’è una grande aspettativa – rimarca ancora il consigliere regionale – non solo da parte dei cittadini di Margherita, ma anche di tutta la regione, perché si tratta di una delle aziende più importanti del suo settore in Europa, che immaginiamo – conclude – possa diventare ancora più forte e competitiva grazie al nuovo investimento”.

/comunicato

Related posts

Canosa, discarica Co.Be.Ma. M5S: “Si avvia finalmente la chiusura definitiva del sito dopo 14 anni di inattività”

redazione@metropolinotizie.it

I depuratori dell’AQP funzionano bene? Con quell’acqua depurata è possibile lavare le strade o farne altro utile uso?

Redazione Metropoli Notizie

Gatta: banca del latte. Importante promuoverne la conoscenza e istituirla in Puglia

Redazione Metropoli Notizie

Nuovo ospedale Monopoli-Fasano, Amati: “Finiti gli scavi. ASL aumenti sua attenzione perché tra Bari e Brindisi c’è urgente necessità”

redazione@metropolinotizie.it

Xylella, M5S presenta lo studio per la ricostruzione del paesaggio dell’olivo in Salento. “No a interventi spot, necessaria visione integrata dei problemi”

redazione@metropolinotizie.it

Turismo e prezzi salati nel Salento: panzerotto o calzone venduto a 5 euro in aeroporto. Dopo la polemica sulla “frisa d’oro” un altro “scandalo” alle porte del Salento: panzerotto (o calzone a Lecce o fritta a Brindisi) venduto a 5 euro (4,90 euro per la precisione) all’aeroporto di Brindisi.

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy