Attualità Bari

La teoria delle finestre rotte e il cassonetto sul posto riservato ai disabili

Riceviamo e pubblichiamo:

Gentile Direttore,
nel 1969 presso l’Università di Stanford, fu condotto un esperimento di psicologia sociale abbastanza singolare. il Professor Philip Zimbardo parcheggiò due automobili identiche (stessa marca, modello e colore) in due luoghi diversi. La prima fu lasciata nel quartiere Bronx a New York, zona notoriamente malfamata e conflittuale. La seconda invece fu lasciata a Palo Alto, una ricca e tranquilla cittadina della California. Una squadra di specialisti in psicologia sociale studiavano in incognito il comportamento delle persone in ciascun luogo.
La prima serie di eventi fu abbastanza prevedibile: l’auto del Bronx fu spogliata di tutto in poche ore. Tutto ciò che poteva essere riutilizzato o venduto venne depredato mentre il resto venne distrutto. L’auto parcheggiata a Palo Alto invece non fu toccata e rimase integra.
Tuttavia l’esperimento ebbe un seguito interessante. Dopo una settimana, quando dell’auto nel Bronx rimanevano solo rottami, all’auto di Palo Alto fu spaccato deliberatamente un finestrino.
In breve tempo i ricercatori registrarono le stesse dinamiche avvenute nel Bronx: furti e vandalismi ridussero l’auto nelle stesse condizioni della sua gemella nel Bronx. Fu depredata e saccheggiata nello stesso identico modo. Zimbardo osservò inoltre che la maggior parte dei vandali in azione a Palo Alto non avevano affatto l’aspetto di persone disagiate, sembravano piuttosto persone comuni molto lontane dallo stereotipo di delinquente di strada.
La conclusione a cui giunse lo studioso fu che il finestrino rotto costituiva un segnale chiaro di abbandono dell’area, capace di risvegliare bassi istinti in tutti a causa del senso di impunità che la situazione suggeriva.
Lo studio ebbe un enorme successo e diventò noto con il nome di “teoria delle finestre rotte”.

Finalmente posso riferirmi alla foto che le ho inviato e al cassonetto posizionato sul posto riservato ai disabili in via Brigata Bari.
Non è necessario sottolineare la gravità del fatto né dobbiamo evidenziare la strafottenza di chi ha calpestato un diritto altrui per negligenza o ignoranza.
La mia domanda è diversa: cosa succede se a spaccare il primo finestrino è proprio chi ci amministra?

Related posts

FERRAGOSTO IN CITTÀ PER IL SINDACO DECARO IN VISITA ALLE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL’ORDINE

redazione@metropolinotizie.it

LA PRIMA SETTIMANA DI LUGLIO E AGOSTO MERCATI SETTIMANALI APERTI NELLE ORE SERALI PALONE: “UN’INIZIATIVA DI SUCCESSO POSSIBILE GRAZIE A UN DIALOGO COSTANTE CON LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA”

redazione@metropolinotizie.it

Truffe online. False offerte di lavoro su Subito.it per carpire i documenti d’identità e utilizzarli per altre attività illecite. La Polizia Postale lancia l’allerta sulla sua pagina Facebook “Commissariato di PS Online”.

redazione@metropolinotizie.it

Nuovo pronto soccorso Policlinico Bari

redazione@metropolinotizie.it

Sabato 18 Fratelli d’Italia presenta i propri candidati alle prossime amministrative

Redazione Metropoli Notizie

Fallimento “Mercatone Uno”: le novità sulla società maltese e il timore di riciclaggio delle banche italiane.

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy