Attualità Bari

La teoria delle finestre rotte e il cassonetto sul posto riservato ai disabili

Riceviamo e pubblichiamo:

Gentile Direttore,
nel 1969 presso l’Università di Stanford, fu condotto un esperimento di psicologia sociale abbastanza singolare. il Professor Philip Zimbardo parcheggiò due automobili identiche (stessa marca, modello e colore) in due luoghi diversi. La prima fu lasciata nel quartiere Bronx a New York, zona notoriamente malfamata e conflittuale. La seconda invece fu lasciata a Palo Alto, una ricca e tranquilla cittadina della California. Una squadra di specialisti in psicologia sociale studiavano in incognito il comportamento delle persone in ciascun luogo.
La prima serie di eventi fu abbastanza prevedibile: l’auto del Bronx fu spogliata di tutto in poche ore. Tutto ciò che poteva essere riutilizzato o venduto venne depredato mentre il resto venne distrutto. L’auto parcheggiata a Palo Alto invece non fu toccata e rimase integra.
Tuttavia l’esperimento ebbe un seguito interessante. Dopo una settimana, quando dell’auto nel Bronx rimanevano solo rottami, all’auto di Palo Alto fu spaccato deliberatamente un finestrino.
In breve tempo i ricercatori registrarono le stesse dinamiche avvenute nel Bronx: furti e vandalismi ridussero l’auto nelle stesse condizioni della sua gemella nel Bronx. Fu depredata e saccheggiata nello stesso identico modo. Zimbardo osservò inoltre che la maggior parte dei vandali in azione a Palo Alto non avevano affatto l’aspetto di persone disagiate, sembravano piuttosto persone comuni molto lontane dallo stereotipo di delinquente di strada.
La conclusione a cui giunse lo studioso fu che il finestrino rotto costituiva un segnale chiaro di abbandono dell’area, capace di risvegliare bassi istinti in tutti a causa del senso di impunità che la situazione suggeriva.
Lo studio ebbe un enorme successo e diventò noto con il nome di “teoria delle finestre rotte”.

Finalmente posso riferirmi alla foto che le ho inviato e al cassonetto posizionato sul posto riservato ai disabili in via Brigata Bari.
Non è necessario sottolineare la gravità del fatto né dobbiamo evidenziare la strafottenza di chi ha calpestato un diritto altrui per negligenza o ignoranza.
La mia domanda è diversa: cosa succede se a spaccare il primo finestrino è proprio chi ci amministra?

Related posts

Come garantire il welfare ostruendo la rampa per disabili

redazione@metropolinotizie.it

MISSIONE BARI: un giorno di ordinaria amministrazione

Redazione Metropoli Notizie

Gli auguri del Presidente Generale Domenico Chirico ai tanti soci ed agli amici dell’Associazione Arma aeronautica di Bari

Redazione Metropoli Notizie

Proteste per le liste di attesa, un anno per una colonscopia

Redazione Metropoli Notizie

AQP, Conca:l’Ente continua a negarmi la documentazione che ho più volte richiesto. C’è qualcosa da nascondere?

Redazione Metropoli Notizie

In occasione della Sagra di S. Nicola è doveroso eliminare lo schifo dei cassonetti colmi e sporchi in bella vista in centro città a Bari

Redazione Metropoli Notizie

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy