Puglia

Laricchia: qual’è la posizione della Regione sulla gara per esternalizzare il servizio di sicurezza nei porti?


La consigliera del M5S Antonella Laricchia ha incontrato oggi i lavoratori della Porti Levante di Bari, società che si occupa della sicurezza nel porto del capoluogo, in presidio davanti alla sede del Consiglio Regionale per chiedere di non esternalizzare il servizio. 

“Da tempo – dichiara Laricchia – seguiamo la situazione degli operai della Porti Levante nei maggiori porti pugliesi e lo scorso luglio assieme al collega Gianluca Bozzetti ho depositato una richiesta di audizione in V e VI commissione consiliare per avere chiarezza dopo l’esposto all’Anac presentato dall’Usb per segnalare presunte irregolarità in riferimento alla procedura ad evidenza pubblica riguardante la cessione di quote e affidamento di servizi della società”.  

Nella richiesta presentata si chiede di audire l’assessore ai Trasporti, Giovanni Giannini e il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale, Prof. Avv. Ugo Patroni Griffi, per conoscere quali azioni la Regione intenda intraprendere per la gara ad evidenza pubblica, quale sia la sua posizione in merito, e quella dell’Autorità di Sistema.

Chiederemo di conoscerecontinua Laricchia le condizioni in cui lavorano attualmente gli operai e sapere se sia stata tenuta in conto la denuncia dell’USB sulle presunte irregolarità nella gara. Non si può continuare a far finta di niente: le istituzioni devono monitorare quanto sta accedendo. Per questo chiediamo ai presidenti delle Commissioni competenti Vizzino e Santorsola di calendarizzare al più presto l’audizione”. 

/comunicato

Related posts

Manfredonia: il dolore supera lo sdegno per lo scioglimento del consiglio comunale

Redazione Metropoli Notizie

Cartiera di Foggia, Gatta: “Giunta regionale intervenga a tutela dei lavoratori esclusi”

redazione@metropolinotizie.it

Quello che sta accadendo nella magistratura è di difficile comprensione.

Redazione Metropoli Notizie

Turismo e prezzi salati nel Salento: panzerotto o calzone venduto a 5 euro in aeroporto. Dopo la polemica sulla “frisa d’oro” un altro “scandalo” alle porte del Salento: panzerotto (o calzone a Lecce o fritta a Brindisi) venduto a 5 euro (4,90 euro per la precisione) all’aeroporto di Brindisi.

redazione@metropolinotizie.it

Eventi estremi, CIA Puglia: “Agricoltori ostaggi del clima e del rischio idraulico”

redazione@metropolinotizie.it

Liviano: “Altro passo avanti per la definizione della filiera formativa della nautica”

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy