Puglia

Maurodinoia: “Per le sagre pugliesi un marchio di qualità”

È stata incardinata in IV Commissione presieduta da Donato Pentassuglia, la pdl a firma della consigliera Anna Maurodinoia, per la promozione e valorizzazione delle sagre di qualità illustrando la proposta che osserverà l’iter ordinario con le audizioni dei soggetti interessati programmate alla ripresa delle attività dopo la pausa estiva, la proponente ha sottolineato la necessità di disciplinare le sagre, valorizzarle e tutelarle da possibili plagi in quanto espressione dell’identità e della cultura di uno specifico territorio. 


La proposta prevede l’attribuzione di un marchio “Sagre di Qualità” che identifichi in maniera univoca quelle tradizionali e di qualità, ovvero tutte quelli manifestazioni che vantano da tempo un legame con il territorio e che abbiano come obiettivo la promozione e la creazione di sinergie con le attività economiche locali. Alla Regione spetta il compito sia di istituire un calendario regionale delle “Sagre di Qualità” che avranno ottenuto il riconoscimento, sia di pubblicizzare e promuovere gli eventi contrassegnati dal logo che attribuisce alla sagra il crisma della manifestazione che rispetta requisiti di sicurezza e rispetto dell’ambiente. 


“La proposta che è aperta al contributo delle associazioni – dichiara la Maurodinoia – è uno strumento per stabilire regole condivise per l’organizzazione di manifestazioni che promuovano il prodotto locale, i suoi piatti tipici, la sicurezza e il rispetto dell’ambiente. Le sagre, espressioni dell’identità e della cultura di un territorio devono essere disciplinate, valorizzate e tutelate anche da eventuali plagi”.

Quindi, secondo la proposta, alla quale ha collaborato anche L’UNPLI regionale, l’Unione delle Pro Loco di Puglia, sono considerate “Sagre di Qualità” quelle in cui vengono somministrati prodotti tipici del nostro territorio, a “chilometro zero” o tra quelli a marchio DOP, DOC, DOCG, DECO, oltre a quelli tradizionali, e che per il metodo di produzione, trasformazione, conservazione e stagionatura, sono realizzati sul territorio regionale in maniera omogenea e continuativa. /comunicato

Related posts

Giovinazzo nel mondo: cittadinanza onoraria per l’attore John Turturro

redazione@metropolinotizie.it

DA OGGI FINO A DOMENICA IN FIERA SCREENING GRATUITI CONTRO LA DEGENERAZIONE MACULARE SENILE

redazione@metropolinotizie.it

Ex Ilva, Palombella: No ad accordi al ribasso che sacrificano migliaia di posti di lavoro

Redazione Metropoli Notizie

Maltempo,Marmo: si dichiari lo stato di calamità naturali,danni ingentissimi agli agricoltori

Redazione Metropoli Notizie

Legge bullismo e cyberbullismo. Di Bari (M5S): “La Giunta non applica la legge e se ne frega dei danni provocati alle vittime”

redazione@metropolinotizie.it

Trasporti, Abaterusso: “Disservizi FSE, intervenga la Ragione. Basta con i risparmi sulla pelle dei pendolari!”

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy