Ambiente e Vita Puglia

Mazzarano:Nelle ore drammatiche della vicenda Ilva,la Puglia dichiara lo stato di emergenza climatica ambientale

“La Puglia dichiara lo stato di emergenza climatica e ambientale, e il voto unanime del Consiglio regionale è un gesto simbolico ma dal formidabile valore politico in una regione come la nostra in cui il tema della compatibilità tra ambiente, sviluppo e lavoro è forse ancora più drammatico che nel resto del Paese, come dimostra anche in queste ultime ore la vicenda dell’ex Ilva di Taranto”. Lo dichiara il consigliere regionale del Pd, Michele Mazzarano, primo firmatario della mozione sulla dichiarazione dello stato di crisi sull’emergenza climatica e ambientale presentata e votata all’unanimità nel Consiglio regionale tenuto oggi a Bari, frutto anche di un processo di partecipazione con le rappresentanze studentesche e il movimento spontaneo dei Friday’s for future.
“La correlazione tra emissioni nocive industriali e cambiamenti climatici è ormai un fatto acclarato da tutto il mondo scientifico – ha aggiunto Mazzarano – e le prime conseguenze di ciò sono la grave compromissione dell’ambiente circostante e l’insorgere di gravissime patologie, fenomeni verso i quali non si può più restare inermi. Come disposto, del resto, dall’ultima conferenza sul clima di Parigi che ha previsto il ruolo delle Regioni per fare fronte a questa difficilissima sfida.
“In Puglia in particolare abbiamo potuto contare sul contributo di tanti giovani – continua il consigliere regionale – che hanno aderito insieme con i loro coetanei nel resto del Mondo al moto di protesta nato spontaneamente e che ha invaso pacificamente anche le piazze e le strade di tante città italiane e pugliesi. A seguito dell’ultima manifestazione dei Friday’s for future una delegazione dei comitati studenteschi pugliesi ha chiesto l’intervento del Presidente Emiliano. Il confronto ha prodotto le riflessioni contenute in questa mozione.
“L’obiettivo della mozione è di impegnare la Regione Puglia ad attenersi alle direttive contenute proprio nell’accordo di Parigi – continua ancora Mazzarano – con particolare riguardo alle politiche volte a ridurre le emissioni di gas serra. E di chiedere alla Regione e al presidente Emiliano, da sempre impegnato in questa difficile battaglia, di continuare sulla strada del dialogo istituzionale con gli enti governativi nazionali e territoriali, per dare concreta attuazione a provvedimenti di contrasto ai cambiamenti climatici e alla riduzione delle emissioni di gas serra e del loro assorbimento.
“Tra gli impegni già assunti dalla Regione Puglia ci sono gli ingenti finanziamenti ai piani di efficientamento energetico e messa a norma degli edifici pubblici – spiega il consigliere regionale – oppure il finanziamento del parco mezzi trasporto con mezzi elettrici ed ecosostenibili. Ma ovviamente questo non basta. Bisogna infatti adottare un modello di economia circolare – conclude Mazzarano – e intraprendere politiche radicali per rendere le attività umane sostenibili sia dal punto di vista ambientale che sociale, affinché l’innovazione tecnologica sia motore di uno sviluppo che metta al centro la vita umana e l’ambiente”.

Related posts

Cera: “Gargano, si adotti il metodo Vieste per tutti i laboratori di analisi”

redazione@metropolinotizie.it

Ex Ilva. Palombella Uilm: tempesta perfetta, piano ambientale e 20 mila lavoratori a rischio

Redazione Metropoli Notizie

Lecce. Parcheggi a pagamento al Vito Fazzi. M5S: “Per combattere abusivismo servono maggiori controlli”

redazione@metropolinotizie.it

Mercurio nell’Ofanto in Campania, Barone: “Necessario monitoraggio capillare anche in Puglia”

redazione@metropolinotizie.it

Facoltà di medicina a Taranto, Turco: no alla chiusura scelta discutibile

Redazione Metropoli Notizie

9 agosto: il presidente Loizzo celebra la Giornata del lavoro pugliese nel mondo

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy