Puglia Sanità

Ospedale di Monopoli: il parcheggiatore abusivo timbrava per i presunti lavativi

Ancora lavativi all’opera in un ospedale della provincia di Bari dove la gente si reca non certo per divertimento ma per urgenti necessità di salute. Medici, primari e paramedici accomunati dalla volontà della latitanza dal lavoro, avvalendosi questa volta della collaborazione di un parcheggiatore abusivo che timbrava in loro vece, commettendo un grave reato che la prossima settimana sarà oggetto dell’esame del magistrato inquirente.

Una vergogna e nessuna comprensione. Staremo a vedere quale atteggiamento assumeranno i sindacati di categoria che non possono e non debbono difendere ad ogni costo i loro iscritti specie quando le colpe sono evidenti e quando queste vigliaccate possono avere gravi conseguenze per i degenti.

Occorrerebbe un provvedimento di licenziamento specialmente nei casi di grave responsabilità, mentre per gli altri la sospensione dal lavoro e dalla retribuzione. Se anche questa volta come è successo in altri luoghi come in Campania, dovessero essere presi provvedimenti “generosi” questi fenomeni di assenteismo si ripeteranno sempre a danno dei pazienti.

Related posts

Laricchia: bando ufficio stampa AdP va ritirato

Redazione Metropoli Notizie

Sud: Emiliano,sì a coordinamento Regioni

redazione@metropolinotizie.it

Piano di riordino ospedaliero. Di Bari: “Bat provincia più penalizzata, le proteste dei medici ne sono la dimostrazione”

redazione@metropolinotizie.it

A.Mittal: mons.Santoro chiede giustizia

redazione@metropolinotizie.it

IL COMUNE COMUNICA – BA 29 – possibile presentare domanda fino al 30 giugno – Su 60 tirocinii conclusi il 25% si è trasformato in contratto di lavoro

redazione@metropolinotizie.it

ARIF, DAMASCELLI (FI): “URGONO OPERE DI MANUTENZIONE PER SERVIZI EFFICIENTI, INVITERÒ IL COMMISSARIO A SOPRALLUOGHI. QUANDO CHIUSURA STABILIZZAZIONI?”

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy