Politica

Poche mele marce non possono e non debbono compromettere la dignità dei magistrati

Ritorna alla ribalta la vicenda dei magistrati corrotti, di quelli che già hanno parlato e di quelli che stanno per farlo. Non ho piacere ad indicare quali sono le mele marce più volte citate dai giornali e dalle emittenti televisive, anche perchè per tutta la vita da politico, ho sempre difeso strenuamente tanti magistrati onesti e coraggiosi.

Ho sempre fatto ricorso quando ero amministratore comunale e soprattutto deputato, quando nei teatri della politica si svendevano i beni dello Stato, si privatizzavano i monopoli, ed i giochi passavano alla gestione di alcune banche. Ora il Governo è cambiato, e occorre una riforma della magistratura che assicuri al popolo italiano tempi più celeri delle procedure giudiziarie, separazione delle carriere tra quella di inquirente e quella da giudicante, per assicurare il rispetto della terzietà del giudizio.

Bisogna riconoscere che fare il magistrato oggi è diventato molto più difficile che in passato, ma il rispetto del loro non facile lavoro non può essere messo in discussione da alcune mele marce.

Lucio Marengo

Related posts

Continua lo spopolamento delle nostre città del sud con i nostri giovani che fuggono

Redazione Metropoli Notizie

I leoni di una destra che fu, sono diventati gatti

Redazione Metropoli Notizie

Il braccio armato della Legge

redazione@metropolinotizie.it

Il nuovo Palazzo della Giustizia, quando sarà realizzato e quanto ci costerà?

Redazione Metropoli Notizie

Assegni di cura, Laricchia: “Da tempo denunciamo fallimento della Giunta che continua a restare immobile”

redazione@metropolinotizie.it

Il reddito di cittadinanza a quante ore di lavoro corrisponde?

Redazione Metropoli Notizie

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy