Puglia

Potenziamento strutture sanitarie penitenziarie, interrogazione di Congedo

Una nota del consigliere regionale Fratelli d’Italia Puglia Erio Congedo. 


“Ho interrogato il presidente della Giunta regionale nonché assessore alla salute per sapere se il Governo regionale non intenda intervenire per garantire un miglior funzionamento delle strutture sanitarie penitenziarie, ad esempio potenziando gli ambulatori, aumentando l’offerta di medici specialistici, dotando le farmacie di più ampi presidi terapeutici. Questo al fine di evitare il ricorso eccessivo al trasferimento di detenuti presso strutture ospedaliere con le problematiche e i rischi che ne conseguirebbero quali, ad esempio, il cattivo funzionamento dell’assistenza sanitaria penitenziaria nelle carceri pugliesi denunciato più volte dalle organizzazioni sindacali di Polizia Penitenziaria.

Nella fattispecie si fa riferimento a trasferimenti presso le strutture sanitarie esterne di detenuti anche pericolosi non solo nei casi di “malesseri improvvisi o altre situazioni di rischio”, ma spesso per banali visite ambulatoriali o piccoli interventi che potrebbero essere effettuati all’interno delle carceri se queste fossero dotate di attrezzature e strumenti per garantire assistenza adeguata.

A ciò si aggiunga il serio problema di sicurezza all’interno e all’esterno delle carceri: per il personale di scorta, per i cittadini lungo il percorso da e verso le strutture sanitarie, per i pazienti e loro familiari che nelle corsie vengono a trovarsi a stretto contatto con i detenuti. I trasferimenti comportano peraltro una serie di attività organizzative onerose in termini di personale (già costretto a carichi di lavoro impegnativi per la carenza di organico) e mezzi.

Attrezzare adeguatamente le strutture sanitarie interne al carcere, quindi, consentirebbe di offrire un’assistenza migliore ai detenuti, di limitare i trasferimenti alle patologie che necessitano del ricorso agli ospedali e di impiegare il personale di polizia penitenziaria con maggiore sicurezza per i compiti istituzionali”.

/comunicato 

Related posts

Quanti danni ha causato alle strade cittadine la fibra ottica? Quando le ripareranno?

Redazione Metropoli Notizie

CTR Lecce: tre sentenze annullano avvisi di accertamento per 1 milione e trecentomila euro

Redazione Metropoli Notizie

Nomina Sanitàservice a Lecce FdI e Dit chiedono accesso agli atti

Redazione Metropoli Notizie

James Bond a Gravina Puglia

redazione@metropolinotizie.it

MERCATONE UNO, VITALI: SOTTOPPORO’ NUOVAMENTE ALL’ATTENZIONE DEL MISE LA DELICATA QUESTIONE E LE SUE CRITICITÀ

redazione@metropolinotizie.it

Policoro ordinanza anti-cinghiali, “Vietato dar da mangiare ai cinghiali”. Il sindaco Mascia ha firmato l’ordinanza con una serie di misure per contrastare il proliferare degli animali in città. Chi trasgredisce è punito con una multa che va da 150 a 900 euro.

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy