Senza categoria

Questa è la libertà che ci meritiamo! Si estendono a macchia d’olio gli abusi degli extracomunitari.

furto

E’ l’ultima volta che diciamo: noi l’avevamo detto! Ma i fatti purtroppo per tutti, ci danno ragione e i difensori del falso perbenismo tacciono di fronte alle rapine,ai furti,all’accattonaggio, alle continue violazione delle nostre Leggi che non sembrano valere per questi extracomunitari che hanno invaso il nostro Paese, che noi abbiamo accolto, e tollerato anche nei loro atti e nei loro abusi. Nelle stazioni di Roma e Firenze per esempio accade di tutto con l’aggiunta anche di violenze e minacce a danno di malcapitati viaggiatori o turisti. Un alto Ufficiale della Polizia di Stato ha dichiarato questa mattina in una intervista sulle rete nazionale, che la Polizia fa quello che può, arrestando anche i responsabili, ma questi una volta identificati in questura,vengono rilasciati a piede libero e sono frequenti i casi di recidività che non prevede pene detentive. Un rom addirittura era stato arrestato dieci volte, ma era sempre in libertà.Questo accade a Roma, ma a Firenze ed in altre città, accade la stessa cosa ma i giornali non ne parlano, e sembra che ci sia disposizione di essere tolleranti. Praticamente le nostre leggi, servono solo per noi e capita spesso che un extracomunitario sanzionato con una contravvenzione, la strappi anche in presenza dello stesso vigile municipale potendo contare in questo nostro liberismo assurdo che si sta ritorcendo contro di noi. Accade solo in Italia perchè in altri Paesi le leggi sono uguali per tutti e tutti sono obbligati a rispettarle. Cosa si aspetta ad usare le maniere forti? che scappi magari il morto o che la gente reagisca magari organizzandosi? La violenza provoca come reazione  una uguale risposta e nessuno se lo auguri mai, ma non se ne può più ed è bene che legislatoti, politici, magistrati, FF.OO., ciascuno per le proprie competenze, si assumano le rispettive responsabilità e ci auguriamo di non dire mai che lo avevamo previsto.

                                                                                                                                                                                      Lucio Marengo

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy