Bari Politica

Rispettati i termini per il finanziamento dell’illuminazione di viale Tatarella

Sono stati formalmente avviati in settimana, attraverso la sottoscrizione del verbale di consegna dell’aggiudicatario dell’appalto – Edilservice -, i lavori per l’efficientamento energetico della pubblica illuminazione di viale Tatarella. Si tratta di un progetto del valore complessivo di 250mila euro, rivenienti da un finanziamento statale (decreto legge “Crescita” del 30 aprile 2019) concesso ai Comuni come contributo per la realizzazione di progetti relativi ad investimenti nel campo dell’efficientamento energetico e dello sviluppo territoriale sostenibile.

In particolare, in base a un decreto direttoriale del 10 luglio scorso a firma del direttore generale del ministero dello Sviluppo economico, possono beneficiare del finanziamento, in misura proporzionale al numero di abitanti, tutti i Comuni che realizzano una o più delle opere pubbliche rispondenti ai dettami dell’art. 30, comma 3, del decreto Crescita in materia di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile.

L’ammissibilità al finanziamento delle opere era subordinata anche al rispetto di alcune stringenti condizioni quali:

– essere aggiuntive rispetto a quelle già programmate (Piano triennale OOPP vigente) sulla base degli stanziamenti contenuti nel bilancio di previsione dell’anno 2019;

– essere avviate inderogabilmente entro lo scorso 31 ottobre, intendendo per avvio la data di inizio dell’esecuzione dei lavori, coincidente con la data di aggiudicazione definitiva del contratto.

Questo intervento consentirà, dunque, di rinnovare completamente l’illuminazione di un’arteria stradale caratterizzata quotidianamente da grandi flussi di traffico con l’installazione di circa 140 nuovi corpi illuminanti a led, che garantiranno maggiore e migliore illuminazione del piano viabile, con un effetto luminoso più intenso e diffuso in modo più omogeneo. I lavori di sostituzione dei corpi illuminanti interesseranno il tratto che va dalla rotatoria del ponte Adriatico fino al tondo di Carbonara.

Il risparmio netto stimato è pari a circa il 50% in meno rispetto all’impianto attuale. Notevoli benefici saranno conseguiti anche dal punto di vista ambientale, grazie all’uniformità della luce bianca tra viale Tatarella e il ponte Adriatico.

“Grazie a un lavoro intenso degli uffici comunali – commenta l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso -, siamo riusciti a rispettare i parametri stringenti previsti dal finanziamento statale, con la redazione del progetto, l’approvazione dello stesso prima in giunta e poi in Consiglio comunale in variazione al Piano triennale vigente, la successiva indizione ed espletamento della gara, l’affidamento dell’appalto e la consegna dei lavori.

Giovedì scorso, termine ultimo per l’avvio dei lavori, abbiamo anche comunicato al ministero l’avvenuta consegna dei lavori con la contestuale trasmissione della scheda di attestazione per l’erogazione della prima quota di contributo, pari al 50% dell’importo del progetto ammesso a finanziamento.

Le prossime tappe coincideranno con la trasmissione da parte dell’appaltatore delle schede tecniche dei nuovi corpi illuminanti, che saranno vagliate e approvate dagli uffici tecnici. Poi sarà la volta dell’ordine dei materiali occorrenti e della relativa fornitura con la posa in opera e le lavorazioni da effettuare entro gennaio, in quanto tutte le attività dovranno completarsi entro 90 giorni dalla sottoscrizione del verbale di consegna dei lavori.

Saranno salvaguardati e riutilizzati tutti gli attuali pali, in modo tale da ottimizzare le risorse disponibili per sostituire il maggior numero possibile di vecchi corpi illuminanti con potenza di circa 400W, con quelli nuovi a led di circa 200 W.

Con questo intervento procediamo con la rapida conversione a led di tutti i corpi illuminanti presenti sul territorio comunale (circa 27.000 unità), in continuità con l’attività portata avanti nello scorso mandato. A tal proposito a breve andranno in gara 5 nuovi appalti, da un milione di euro ciascuno, per ogni Municipio che consentiranno di estendere in tutta la città le operazioni di sostituzione delle vecchie luci come abbiamo fatto nei quartieri Libertà, e Murat, nell’Umbertino e anche a Carbonara”.

Related posts

M5S, censiamo gli impianti esistenti per programmare le politiche regionali

Redazione Metropoli Notizie

Autonomia delle Regioni, Longo: “Un vero tradimento ai principi basilari della Costituzione”

redazione@metropolinotizie.it

De Leonardis: “Il fallimento del centrosinistra nell’emergenza xylella”

redazione@metropolinotizie.it

12 miliardi l’anno per gli enti inutili?

Redazione Metropoli Notizie

Il centro congressi della Fiera del Levante vero polo di relazioni per il Sud

Redazione Metropoli Notizie

Quanto meno strane queste inchieste a pochi mesi dalle elezioni regionali 2020

Redazione Metropoli Notizie

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy