Politica

Salvini e Di Maio separati in casa? Vattene! No vattene tu.

Fa ridere quello che rimane di un mondo politico alla deriva, litigioso e insopportabile con due principali contendenti che fingono di volersi liberare l’uno dell’altro, ma che in realtà non sono capaci di assumersi la responsabilità della iniziativa finale.

In pratica è come se uno dicesse all’altro, vengo o me ne vado? L’ altro risponde: vattene, e ne ha come risposta: no fallo prima tu. Questa è diventata la politica e questi sono i brillanti contendenti politici che stanno giocando con la pazienza di sessanta milioni di italiani.

Il dramma vero però non è solo questa infinita diatriba, bensì la carenza assoluta di materiale umano che ti offre la visione di un panorama desolante e la mancanza di scelte alternative senza futuro. Ammesso che presto possa cadere questo Governo e che si vada a votare entro l’autunno, con quale possibile risultato?

Forse il ritorno del centro destra al governo? I sondaggi darebbero per certi questi risultati, cioè Lega, FdI, Forza Italia e qualche altro rimasuglio. Berlusconi lascerebbe il posto di Premier a Salvini? E poi?

Con tutti i lupi famelici cosa accadrebbe? Chi secondo noi potrebbe fare qualcosa di utile è il capo dello Stato Sergio Mattarella che potrebbe convocare al Quirinale Salvini e Di Maio ed intimare loro di evitare la caduta rovinosa del Governo, sedersi intorno ad un tavolo e predisporre poche soluzioni ad altrettanti problemi, mettersi a lavorare, senza parlare l’un dell’altro per salvare il Paese da una possibile catastrofe.

LM

Related posts

Tanto rumore per far fallire le Ferrovie del Sud Est?

redazione@metropolinotizie.it

Quanti bluff alle Ferrovie del Sud Est? Chi pagherà per questo?

redazione@metropolinotizie.it

Governo, M5S: “Quando parla di inciuci l’onorevole Sasso dovrebbe guardare in casa sua”

redazione@metropolinotizie.it

Barone: intimidazioni e minacce. gli amministratori locali non sono soli

Redazione Metropoli Notizie

Brindisi, emergenza rifiuti. Bozzetti: “Mancata programmazione costringe la Regione a far ricorso ai privati”

redazione@metropolinotizie.it

Conte con indice di gradimento al 70% abolisca definitivamente gli enti inutili che ci costano non pochi miliardi di euro l’anno.

Redazione Metropoli Notizie

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy