Sanità

Sanità: le audizioni sul piano regionale di riordino ospedaliero

Seduta di audizioni in Commissione Sanità, presieduta da Luigi Manca, sulla delibera di Giunta regionale contenente il Regolamento regionale “Riordino ospedaliero della Regione Puglia”, provvedimento unico al quale si giunge dopo l’approvazione dei due precedenti Regolamenti di riordino ospedaliero (prima degli ospedali pubblici e poi delle strutture private accreditate). 


Numerosi gli intervisti previsti secondo l’ordine dei lavori della convocazione. 
Ad aprire il confronto sono state le Organizzazioni sindacali della dirigenza sanitaria, professionale, tecnica ed amministrativa. In particolare è intervenuto il presidente della Sezione regionale dell’AAROI EMAC (Associazione Rianimatori ospedalieri italiani emergenza Area Critica), i cui rilievi, hanno riguardato le disposizioni in ambito di posti letto per pazienti critici a disposizione delle unità operative afferenti al dipartimento, facendo notare che in tali posti letto non possono essere allocati utenti che siano di esclusiva competenza degli anestesisti rianimatori. È stato ancora evidenziato che in presenza di una riorganizzazione della rete emergenza-urgenza del presidio ospedaliero che preveda la pronta disponibilità dell’anestesista, essa dovrà essere intesa solo ed unicamente correlata alle eventuali emergenze-urgenze chirurgiche di sala operatoria.

A tal proposito è stato chiesto di delineare un progetto decisamente più specifico ed articolato che riesca ad interconnettere e ad integrare tale servizio alla rete territoriale dell’emergenza-urgenza. Infine per quanto concerne la figura dello specialista anestesista rianimatore è stato precisato che laddove sussista una pronta disponibilità di questa figura specialistica, a tale compito non potrà comunque delegarsi il medico specialista anestesista di guardia, perché ciò comporterebbe una carenza di assistenza specialista medica per tempi non preventivabili. 


Successivamente è stata la volta delle Organizzazioni sindacali del Comparto sanità (FIALS CONFSAL, CISAL, FSI-USAE) i quali hanno rilevato che con il provvedimento approvato dalla Giunta regionale, si definisce in modo organico ed unitario l’intera rete ospedaliera, prevedendo un riequilibrio dei ruoli Ospedale-Territorio. Pertanto, la programmazione della rete ospedaliera e dell’offerta territoriale dovrebbe obbligare a scelte di diversificazione per livelli di specializzazione tra strutture e di definizione di precise competenze e dotazioni, in grado di coniugare l’equità nell’accesso ai servizi sanitari, con la qualità e la sicurezza degli utenti e degli operatori. 


In particolare è stato evidenziato che per poter attuare l’incremento dei posti letto previsti nel Piano (dagli attuali 11.806 diventerebbero 13.403), è necessario aumentare il fabbisogno del personale medico e para-medico e che la programmazione della rete ospedaliera e dell’offerta territoriale obbliga a scelte di diversificazione per livelli di specializzazione tra strutture e di definizione di precise competenze e dotazioni, in grado di coniugare l’equità nell’accesso ai servizi sanitari, con la qualità e la sicurezza degli utenti e degli operatori. 
Dello stesso parere i rappresentanti delle Confederazioni sindacali CGIL, CISL e UIL, i quali hanno aggiunto che è necessario attuare un Piano di crescita della medicina territoriale per incidere sull’obiettivo della riduzione delle liste d’attesa e garantire il rispetto dei livelli essenziali di assistenza in maniera uniforme sull’intero territorio pugliese. 


Per conto dell’Omceo Puglia è intervenuto il presidente dell’Ordine dei medici di Lecce, il quale ha detto che è apprezzabile lo sforzo di ammodernamento del sistema sanitario regionale, ma restano ancora molte criticità da risolvere che potrebbero determinare il fallimento totale. È necessario pertanto, puntare alla qualità delle cure e all’integrazione con il territorio, all’efficienza e sostenibilità economica e tenere conto soprattutto che nel campo sanitario si opera con 15 mila operatori sanitari in meno rispetto al fabbisogno. 


Secondo il direttore generale degli Ospedali Riuniti di Foggia Vitangelo Dattoli, il Piano di riordino ha confermato complessivamente quanto previsto per la sanità foggiana e ha espresso soddisfazione per i livelli raggiunti in termini di edilizia sanitaria, con la rideterminazione dell’area ospedaliera e delle vie di accesso e di penetrazione, e per il raggiungimento di una buona offerta ambulatoriale e territoriale e il massimo livello del Dipartimento di emergenza urgenza. 
Da parte dell’Ordine delle professioni infermieristiche è giunto l’appello a sostenere l’inserimento della figura dell’infermiere di famiglia, che dovrebbe essere il responsabile delle cure domiciliari del paziente. 

/comunicato

Related posts

Vigilanza e ispezioni nei posti di pronto soccorso

Redazione Metropoli Notizie

118, Marmo: “Emiliano si scontrerà con una pioggia di ricorsi al Tar”

redazione@metropolinotizie.it

Riordino ospedaliero, questo piano è uno strumento che serve solo al Governatore Emiliano

Redazione Metropoli Notizie

ASL/TA annunciato stato di agitazione. Galante (M5S): “Audizione del direttore Rossi e di Emiliano per un confronto con i lavoratori”

redazione@metropolinotizie.it

Rischia l’amputazione di una mano. Intervento d’urgenza all’Opsedale Di Venere

Redazione Metropoli Notizie

Foggia. Concorso dell’Asl per l’assunzione di tecnici radiologi. M5S: “Denunciate criticità nella prova selettiva. Subito audizioni per fare chiarezza”

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy