Politica Sanità

Spinazzola. M5S lancia petizione contro chiusura PPI. “Dal primo luglio si è creato il caos. Vogliamo tutelare la salute dei cittadini”

Una petizione per chiedere la riapertura del Punto di Primo Intervento. È l’iniziativa promossa dal Movimento 5 Stelle di Spinazzola e presentata lo scorso sabato nel corso di un incontro con gli europarlamentari Mario Furore e Rosa D’Amato. 


“Vogliamo coinvolgere tutte le istituzioni per sensibilizzarle a ciò che sta accadendo a Spinazzola con la perdita di un servizio importante come il PPI, chiuso ormai dal primo luglio. Spinazzola sta provando ad uscire dal suo isolamento ma non ce la farà mai se continuerà a perdere i servizi più importanti” dichiara la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Grazia Di Bari con la consigliera comunale Anna Serchisu, spiegando che la raccolta firme andrà avanti per almeno una settimana. 


“Spinazzola è un territorio spesso penalizzato, forse perché con i suoi 4000 voti ha un bacino di voti poco allettante per la vecchia politica – dichiara la pentastellata – Abbiamo dovuto subire la chiusura di un ospedale che serviva anche la Basilicata e dobbiamo fare i conti con strade pericolose che non permettono di raggiungere in sicurezza gli ospedali vicini. Il presidente Emiliano ha rassicurato che chiuso il PPI, da lui ritenuto pericoloso, ci sarebbe stato il 118 a sopperire all’emergenza urgenza.

Peccato che dal primo luglio si sia creato solo il caos. È già successo che l’equipe del 118 si sia dovuta spostare per una emergenza, lasciando in città solo il medico di guardia e due infermieri per l’ambulanza India. E se ci fosse stata un’emergenza su Spinazzola? La verità è che quando parte la MIKE (ambulanza medicalizzata fissa), il territorio resta scoperto e le emergenze non sono più coperte. Ora come di può parlare di servizio potenziato?

Ecco perché non possiamo accettare che questa riduzione sia fatta passare per un potenziamento”. 
Anche gli europarlamentari D’Amato e Furore interverranno sulla questione, verificando se ricorrano le condizioni di una petizione europea sull’intero riordino che così pesantemente ha toccato la cittadina di Spinazzola. Intanto in settimana la consigliera Di Bari porterà l’iniziativa in Regione: “Chi ci conosce sa che non molliamo mai – conclude la pentastellata – d’altra parte è questione solo di volontà politica. Emiliano se vuole può derogare per questo Comune visto che la difficile raggiungibilità rende Spinazzola un’area particolarmente disagiata’”.

/comunicato 

Related posts

Bari: Decaro torna a fare l’assessore anche da sindaco

Redazione Metropoli Notizie

Servizi sanitari precari nel Dss unico Bari, Damascelli (FI) presenta interrogazione: “Troppi disagi per gli utenti”

redazione@metropolinotizie.it

Ospedale di Castellaneta, chiusura del reparto di pediatria. Galante (M5S): “Da anni aspettiamo che Emiliano corregga il refuso del piano di riordino”

redazione@metropolinotizie.it

FdI di Puglia in piazza a Montecitorio contro il Governo

Redazione Metropoli Notizie

Colonna: “Dal 1° settembre è operativa h24 la Banca del sangue dell’Ospedale della Murgia. Impegno mantenuto per le comunità murgiane”

redazione@metropolinotizie.it

Un errore privare F.I. della presenza di Silvio Berlusconi, proprio nel momento in cui il suo supporto potrebbe essere aggregante.

Redazione Metropoli Notizie

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy