Puglia

Turco: la Regione conceda gli immobili confiscati a centri e strutture per la difesa delle donne

“Favorire la nascita di strutture dedicate alle donne vittime di violenza. A tutti quei casi di disagio sociale e familiare dove i più deboli hanno sempre la peggio, non solo in termini affettivi ma anche occupazionali. Per questo rivolgo un appello al presidente Emiliano e alla sua giunta: destinare gli immobili confiscati alla criminalità organizzata a queste funzioni sociali. Sarebbe una grandissima opportunità da inserire nei futuri avvisi pubblici per la ristrutturazione e rifunzionalizzazione dei beni confiscati e credo che la mia proposta possa davvero rientrare nelle politiche reginale del Pis, il Pronto intervento sociale. Da tempo, anche con una mia apposita legge regionale, chiedo che le donne vittime di violenza, di maltrattamenti e di vessazioni siano tutelate in percorsi non solo legali, ma anche logistici. Servono strutture, case di accoglienza che diano alla donna la giusta tranquillità e forza di ripartire dopo i dolori, fisici, psichici e morali patiti”.
Lo dichiara il consigliere regionale de La Puglia con Emiliano, Giuseppe Turco.

/comuicato

Related posts

Fallimento Mercatone Uno – Unanimità del Consiglio regionale su iniziative a favore dei lavoratori

redazione@metropolinotizie.it

Piano di riordino ospedaliero. Di Bari: “Bat provincia più penalizzata, le proteste dei medici ne sono la dimostrazione”

redazione@metropolinotizie.it

Giovinazzo nel mondo: cittadinanza onoraria per l’attore John Turturro

redazione@metropolinotizie.it

Martedì 17 il Consiglio regionale pugliese incontra i giovani

Redazione Metropoli Notizie

Sanità, cartello tra Roche e Novartis. Conca: “La Regione si è attivata per chiedere il rimborso di 45 milioni di euro?”

redazione@metropolinotizie.it

È legge l’istituzione delle comunità energetiche in Puglia. Trevisi: “Continua il percorso di rinnovamento della regione”

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy