Senza categoria

Con tutti i delinquenti in libertà,si imprigiona una insegnante per l’uso di una vettura malandata

In un paese, l’Italia, dove si aggirano a piede libero mafiosi e camorristi, dove le metropolitane sono infestate da scippatori di ogni nazionalità, dove i servizi primari non funzionano, dove gli spacciatori attentano col loro veleno alla vita dei nostri giovani, dove si lasciano in circolazione personaggi come quel Papantuono che ha ucciso il carabiniere a sangue freddo, a Imperia si arrestata in carcere la preside di una scuola, Rita Zappulla perché ha utilizzato l’auto, una Toyota Corolla del valore di qualche migliaio di euro, che sarebbe dovuta servire a tutta la scuola e non solo a lei. Così i carabinieri con sofisticati congegni di spionaggio installati nella vettura l’hanno bloccata e portata nel carcere di Pontedecimo a Imperia. Era proprio necessario? Abbiamo letto e sentito nei giorni scorsi cosa stia succedendo in Italia a proposito della gestione dei beni pubblici e delle inchieste da milioni e milioni di euro in talune regioni Puglia compresa, e cosa si fa? Si arresta una prof e si lasciano a piede libero personaggi che sì quelli dovrebbero stare in galera. Le misure cautelari vengono gestite in maniera vergognosa dall’abbraccio mortale pm e Gip che davvero troppo in fretta e male, utilizzano la leva coercitiva applicando in maniera superficiale uno strumento che dovrebbe essere l’ultima ratio. Gli arresti dovrebbero essere l’ultima spiaggia e invece oggi sono diventati la norma. Una giustizia giacobina e partigiana che è forte coi deboli e debole coi forti. Il caso della preside è solo l’esempio più eclatante di un paese allo stremo lasciato nelle mani della magistratura che non dovrebbe sostituirsi alla politica e invece da troppo tempo lo sta facendo. Ventisette anni dopo tangentopoli siamo ancora qui a parlarne come se nulla fosse cambiato da allora. Ci si chiede il voto alle prossime elezioni, e magari ce lo chiedono quei politici di ultima generazione quando i loro nominati, presidenti e assessori, ogni giorno usano le auto blu con o senza autista per fare anche i loro comodi. Dov’è mai il buonsenso, dove il confine tra severità e accanimento. I processi che durano decine di anni sono ormai un fatto normale e il clima da stadio che fa da contorno alle misure coercitive spesso del tutto sbagliate, sono la prova che la Giustizia nel nostro paese non c’è.

Related posts

Il gran lavoro della Guardia di Finanza alla Regione

Redazione Metropoli Notizie

La polizia locale della città di Bari faccia rispettare le ordinanze sindacali

Redazione Metropoli Notizie

Ferrovie del Sud Est: come hanno potuto?

Redazione Metropoli Notizie

Conoscere la Costituzione italiana. Un percorso guidato

Redazione Metropoli Notizie

Ambiente: l’europarlamentare Martusciello assicura il suo impegno per l’ ambiente

Redazione Metropoli Notizie

Caro Di Maio, ma non dovevate ridurre deputati e senatori? Promesse da marinaio?

Redazione Metropoli Notizie

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy