Cronaca

“Un drone rudimentale può diventare un’arma. A rischio anche obiettivi civili”

Intervista a Gianandrea Gaiani, direttore di Analisi Difesa, che ad Agi commenta l’attacco con i droni da parte dei ribelli yemeniti alle petroliere saudite 

“Anche un drone rudimentale può diventare un’arma. Dobbiamo preoccuparci? Di certo l’uso di questi strumenti tecnologici non aiuta a ridurre la minaccia terroristica”. Così Gianandrea Gaiani, direttore di ‘Analisi Difesa’, rivista online di politica e analisi militare italiana, e consigliere dall’agosto 2018 al settembre 2019 per le politiche di sicurezza del ministro dell’Interno, risponde all’AGI a proposito dell’attacco con droni da parte dei ribelli houthi dello Yemen a danno di due importanti installazioni petrolifere dell’Arabia Saudita.

“La tecnologia dei droni si sta diffondendo a macchia d’olio – osserva – e a uso terroristico c’è già”. Il problema, spiega, “riguarda non solo la Difesa e l’aspetto militare. Quanto accaduto in Arabia Saudita dimostra che gli obiettivi civili sono a rischio”. La minaccia di una ‘guerra dei droni’ tocca tutti e pone il problema della sicurezza. “I droni possono essere rudimentali strumenti capaci di essere usati anche da privati, che con 3 mila euro possono comprare un drone e utilizzarlo per ‘sbirciare’ in ambasciate o altrove; o possono essere grandi droni armati. In ogni caso c’è una grande facilità nel reperirli”.

Ci dobbiamo preoccupare? “Certo, anche se – spiega – abbiamo aziende che hanno già messo a punto dei sistemi anti droni”. Come difendersi? “I droni possono essere intercettati – risponde Gaiani – abbattuti con un sistema di disturbi elettronici. Quelli grandi li puoi rilevare anche abbastanza bene, mentre per quelli piccoli devi creare un sistema a cupola, intorno all’obiettivo. Ma per creare queste difese elettroniche, devi capire quale obiettivo devi proteggere”.

È questo il punto: bisogna capire quali siano gli obiettivi civili quelli da considerare a rischio. Secondo l’esperto, “si dovrebbe varare un programma per individuare gli obiettivi sensibili, sia militari sia civili”. Chi dovrebbe farlo? “Penso che dovrebbe essere varato a livello della presidenza del Consiglio, mettendo in sinergia i vari ministeri. Secondo me – sostiene – bisognerebbe decidere di affidare la gestione di un sistema di questo tipo ad una società pubblica”.

Fonte: AGI

Related posts

Sfruttano 8 braccianti,denunciati in tre

redazione@metropolinotizie.it

Solidarietà alla Polizia di Stato, agli agenti ed alle famiglie delle vittime.

Redazione Metropoli Notizie

LA RICOMPENSA DELL’AVVOCATESSA DELLE FSE

redazione@metropolinotizie.it

Ponte Morandi, un anno dopo Genova si ferma nel ricordo dei morti

redazione@metropolinotizie.it

Laricchia: i lavoratori delle FD costruzioni senza stipendio da mesi

Redazione Metropoli Notizie

Il Garante Abbaticchio alla inaugurazione della stanza di accoglienza per le vittime di violenza di genere

Redazione Metropoli Notizie

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy