Attualità Prima Pagina Puglia

Venerdì 3 maggio sciopero alle Ferrovie Sud Est

L’arrivo alle Ferrovie del Sud Est della nuova proprietà FS era stato applaudito da tutti i 1300 dipendenti della società come il salvatore della Patria. Si credeva, e si era fatto credere, che il problema fosse infatti l’incapacità della vecchia dirigenza. Solo adesso ci si rende conto invece della oggettiva impossibilità di offrire un servizio adeguato anche da parte del colosso Ferrovie dello Stato. Si legge nel comunicato sindacale di zero dialogo con le maestranze, della creazione di nuove residenze, dello spostamento di residenze lavorative, dell’implementazione e la sostituzione dei vertici aziendali e dei collaboratori d’ufficio con personale esterno a FSE spesso non tenendo in debita considerazione le professionalità interne, della esternalizzazione delle officine da Bari a Taranto. Insomma dopo 18 mesi di questa cura da cavallo imposta prima da Mentasti ed ora da Lenci a fronte di un servizio di quart’ordine, l’azienda tenta di scaricare sugli operai i costi dell’opera di ristrutturazione delle Sud Est imponendo sacrifici non escludendo anche tagli come ad esempio i 50 posti di lavoro delle officine di Lecce che non si sa ancora che fine faranno. In effetti dopo un gran parlare di esternalizzazioni delle manutenzioni di FSE fuori legge (sic!) dei bus e dei treni, Trenitalia continua ad affidare all’esterno oltre la metà delle proprie lavorazioni. Qualcuno recentemente ha sostenuto che FSE fosse dotata di officine idonee (poi sequestrate dal Noe dei carabinieri…) e che l’esternalizzazione delle manutenzioni non fosse una attività periferica rispetto alla attività di istituto. Lo andasse per favore a raccontare a Trenitalia visto che affida all’esterno la maggior parte delle lavorazioni.

Related posts

Casta ingenua e prevedibile, le responsabilità taciute dei burocrati

Redazione Metropoli Notizie

Casa salute Cisternino, Amati: “Il finanziamento è al sicuro. Stiamo anzi aggiungendo risorse per le strade d’accesso”

redazione@metropolinotizie.it

Sede regionale ex Ciapi. Avviati lavori di rimozione amianto. Trevisi (M5S): “Finalmente dipendenti trasferiti in una sede più adeguata”

redazione@metropolinotizie.it

“La crisi non va in vacanza”: manifestazione di FdI questa mattina davanti allo stabilimento ex Ilva di Taranto

redazione@metropolinotizie.it

Mazzarano:Nelle ore drammatiche della vicenda Ilva,la Puglia dichiara lo stato di emergenza climatica ambientale

Redazione Metropoli Notizie

Sprechi alimentari. M5S: “Per contrastarli Emiliano riporti le cucine negli ospedali. Oggi sono troppi i pasti buttati”.

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy