Ambiente e Vita Puglia

Vietato fumare in area marina protetta

Niente sigarette da lunedì prossimo per tutela salute e ambiente

A partire da lunedì prossimo sarà vietato fumare all’interno dell’area marina protetta Wwf di Torre Guaceto, nel Brindisino. Le ragioni della nuova disposizione, spiega il consorzio di gestione in una nota, sono connesse a motivi di salute, al contrasto all’impatto antropico sull’area protetta, alla prevenzione degli incendi e alla tutela dell’utenza della Riserva. “In base a quanto rilevato dal Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità – è specificato – infatti, il fumo di tabacco risulta essere una delle principali cause di morte e di disabilità tra la popolazione.

I rifiuti derivanti dal fumo di sigarette costituiscono materiale non biodegradabile e contengono un grande quantitativo di componenti nocive per l’ambiente e le sigarette rappresentano uno dei rischi di innesco di incendi boschivi. Nella nota si sottolinea che nella riserva, a fine giugno, è divampato un incendio che ha distrutto una parte del canneto e della macchia mediterranea, non provocando per fortuna danni gravissimi.

“Malgrado gli sforzi, che da sempre il Consorzio profonde sul fronte della sensibilizzazione dell’utenza contro l’abbandono delle cicche di sigaretta in spiaggia – afferma il presidente Corrado Tarantino – ci sono ancora incivili che gettano i mozziconi nella sabbia. Non possiamo permettere che accada e non vogliamo che le famiglie che frequentano anche il nostro lido, debbano subire il fumo del vicino di ombrellone che, noncurante, accende una sigaretta nonostante la presenza di bambini o persone diversamente abili”.

Fonte: ANSA

Related posts

Quali sono le responsabilità della Regione nelle ferrovie locali?

redazione@metropolinotizie.it

Castellaneta. M5S su impianto riuso acque reflue: “Realizzato da anni ma abbandonato. L’ennesimo spreco di risorse pubbliche”

redazione@metropolinotizie.it

Certificato oncologico introduttivo, Turco: “Nostra mozione è realtà. Siglato accordo Regione Puglia-Inps”

redazione@metropolinotizie.it

Prima i cinghiali, poi la Xylella, poi le cavallette, ora i pappagallini che mangiano le mandorle, tutto a danno dell’agricoltura pugliese.

Redazione Metropoli Notizie

Chi ha portato la Xylella in Puglia?

Redazione Metropoli Notizie

Sanità: nuova radiologia pediatrica Bari

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy