Sanità

Vigilanza e ispezioni nei posti di pronto soccorso

Ci risiamo con i posti di pronto soccorso superaffollati, delle lunghe attese e di codici di intervento qualche volta discutibili. Prendiamo solo atto di quello che accade, delle motivazioni che inducono a chiamare il 118 e dello scarso funzionamento delle guardie mediche che dovrebbero, per sicurezza degli operatori, essere ubicate magari presso le strutture sanitarie.

Parliamo degli ospedali e dei punti di Pronto Soccorso vicini per ridurre il numero degli interventi ed evitare lo scarica barile o l’eccessivo dirottamento di interventi di pronto soccorso per niente urgenti. Questo ridurrebbe la confusione, le lunghe attese, l’ irritazione di chi è costretto ad aspettare ore per un soccorso e chi magari ne potrebbe fare a meno.

Related posts

Fibromialgia. Bozzetti: “Per i problemi della maggioranza mai discussa la mozione per l’istituzione del registro regionale”

redazione@metropolinotizie.it

Penuria anestesisti, Damascelli: “Non bastano soluzioni tampone, Regione strutturi nuovi specialisti”

redazione@metropolinotizie.it

Guerra alle liste d’attesa! Chi non ha soldi come si cura?

Redazione Metropoli Notizie

Brindisi, da gennaio non più possibile la partoanalgesia epidurale, Bozzetti: “La Regione si attivi per garantire la prestazione alle future mamme”

redazione@metropolinotizie.it

Commissioni Invalidità. Conca: “Da anni chiediamo l’abolizione. Non rinviare tutto a dopo le regionali”

redazione@metropolinotizie.it

Garante dei disabili, subito interventi specifici e risposte alle famiglie

Redazione Metropoli Notizie

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy