Politica

Vorremmo Grillo come ministro della cultura.

Grillo lo sanno tutti, è colui che insieme a Gianroberto Casaleggio ha ideato prima l’omonimo Movimento e poi una redditizia piattaforma informatica, al cui mantenimento economico contribuiscono anche tutti i parlamentari, senatori e credo anche i consiglieri regionali.

Un grosso movimento di denaro che sicuramente viene utilizzato per sani principi e iniziative. Noi non vogliamo fare i conti nelle tasche di nessuno, anzi poichè riteniamo Beppe Grillo un punto di riferimento di un populismo popolare a favore dei meno fortunati, e nella consapevolezza che i suoi consigli sono la voce del movimento, ci chiediamo perchè non ha fatto e non fa il ministro?

Anche per assumersi le conseguenti responsabilità e tenere sotto controllo i suoi inesperti giovani. Non si può dirigere un grosso movimento restando in ombra.

Related posts

Elezioni amministrative: vincerà Decaro o Di Rella?

Redazione Metropoli Notizie

LA RICOMPENSA DELL’AVVOCATESSA DELLE FSE

redazione@metropolinotizie.it

Voto di scambio: a Bari sindaco e consiglieri firmano patto etico

redazione@metropolinotizie.it

David Sassoli eletto presidente del Parlamento europeo: ‘Recuperare lo spirito dei padri fondatori’

redazione@metropolinotizie.it

Regionali 2020, Zullo: “Dalle sagre ai focus, Emiliano imbattibile nelle chiacchiere, ma inadeguato a governare”

redazione@metropolinotizie.it

Xylella: polemiche tra ministri su decreto

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy