Politica

Vorremmo Grillo come ministro della cultura.

Grillo lo sanno tutti, è colui che insieme a Gianroberto Casaleggio ha ideato prima l’omonimo Movimento e poi una redditizia piattaforma informatica, al cui mantenimento economico contribuiscono anche tutti i parlamentari, senatori e credo anche i consiglieri regionali.

Un grosso movimento di denaro che sicuramente viene utilizzato per sani principi e iniziative. Noi non vogliamo fare i conti nelle tasche di nessuno, anzi poichè riteniamo Beppe Grillo un punto di riferimento di un populismo popolare a favore dei meno fortunati, e nella consapevolezza che i suoi consigli sono la voce del movimento, ci chiediamo perchè non ha fatto e non fa il ministro?

Anche per assumersi le conseguenti responsabilità e tenere sotto controllo i suoi inesperti giovani. Non si può dirigere un grosso movimento restando in ombra.

Related posts

Decaro finge di non conoscere quali sono i doveri di un sindaco

Redazione Metropoli Notizie

Alitalia come ferrovie Sud Est

Redazione Metropoli Notizie

Costa Ripagnola, Zullo a Pisicchio: “Riconosci o disconosci il provvedimento autorizzativo unico regionale?”

redazione@metropolinotizie.it

Rifiuti, M5S, l’emergenza è dovuta alla mancata programmazione

Redazione Metropoli Notizie

CORTE DEI CONTI, GRUPPO FI: “NON BASTA ESSERE SIMPATICI SE NON SI SA GOVERNARE, EMILIANO VADA A CASA”

redazione@metropolinotizie.it

Voglia di destra moderata con Giorgia Meloni,senza nostalgie e con la testa sul collo

Redazione Metropoli Notizie

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy