Politica

Vorremmo Grillo come ministro della cultura.

Grillo lo sanno tutti, è colui che insieme a Gianroberto Casaleggio ha ideato prima l’omonimo Movimento e poi una redditizia piattaforma informatica, al cui mantenimento economico contribuiscono anche tutti i parlamentari, senatori e credo anche i consiglieri regionali.

Un grosso movimento di denaro che sicuramente viene utilizzato per sani principi e iniziative. Noi non vogliamo fare i conti nelle tasche di nessuno, anzi poichè riteniamo Beppe Grillo un punto di riferimento di un populismo popolare a favore dei meno fortunati, e nella consapevolezza che i suoi consigli sono la voce del movimento, ci chiediamo perchè non ha fatto e non fa il ministro?

Anche per assumersi le conseguenti responsabilità e tenere sotto controllo i suoi inesperti giovani. Non si può dirigere un grosso movimento restando in ombra.

Related posts

Paolo Pellegrino nominato dal presidente Emiliano consigliere delegato per l’edilizia sanitaria pugliese

redazione@metropolinotizie.it

Decaro finge di non conoscere quali sono i doveri di un sindaco

Redazione Metropoli Notizie

E’ morto Filippo Penati. Ex presidente della Provincia di Milano era malato da tempo

redazione@metropolinotizie.it

Governo, Congedo: “FdI Puglia pronti a raccogliere l’appello di Giorgia Meloni: al voto subito o scenderemo in piazza”

redazione@metropolinotizie.it

Reddito di cittadinanza, Galante: “Se calano i lavoratori stagionali è perchè le condizioni sono spesso al limite della dignità”.

redazione@metropolinotizie.it

Zinni: in Puglia si fanno pochi figli, necessario un piano di politiche famigliari

Redazione Metropoli Notizie

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy